Lettera aperta a governo ed istituzioni: Chiediamo subito un #decretobambini
24 Mar 2020

Come Energie Sociali abbiamo deciso di dare adesione alla lettera aperta a governo e istituzioni per un #decretobambini:
 
oppure continua a leggere e poi firma alla fine
 

Lettera aperta a governo e istituzioni: Chiediamo subito un #decretobambini

Sono circa 450.000 in Italia i minorenni in carico ai servizi sociali di cui 91.000 a causa di maltrattamenti [1], 1.260.000 vivono in condizioni di povertà assoluta[2]. Impossibile quantificare quanti vivono inoltre in situazioni di disagio sommerse o invisibili.

Ci sono bambini e bambine, ragazzi e ragazze che vivono situazioni di forte vulnerabilità, condizioni di povertà economica, sociale ed educativa.

Travolti dalla paura, vittime di violenza in famiglia, che vivono in condizioni di degrado, maltrattamento e abuso grave, impossibilitati a chiedere aiuto. 

Ragazzi e bambini che vivono questa grave e pervasiva esperienza traumatica senza alcun genitore in grado di spiegare loro cosa stia succedendo, o che vivono senza vie di fuga in situazioni di violenza fisica e psicologica perpetrata contro loro e le loro madri. 

Ragazzi per i quali stare a casa, senza andare a scuola per tanto tempo, senza contatti sociali e – dunque – senza essere adeguatamente supportati a livello emotivo, educativo e didattico – genera o riattiva le esperienze di rifiuto, abbandono, pericolo, emarginazione, già vissute in altre situazioni.

Ragazzi e bambini, tutti, che hanno inalienabili diritti sanciti dall’Onu che sono compressi – come quelli di tutti in questa situazione di crisi – ma che dipendono anche da come gli adulti intorno a loro agiscono, pensano e attuano le norme, reagiscono alle emergenze.

In questa fase è praticamente impossibile attivare le necessarie segnalazioni alle autorità giudiziarie competenti (Procure e Tribunali per i minorenni) e i conseguenti interventi di protezione, secondo le indicazioni previste dalla legge 184/1983 e s.m. quali aiuti alle famiglie di origine, affidamenti familiari, inserimenti in comunità, adozione.

Ci sono inoltre molti minorenni, non allontanati dalle famiglie, ma che vivono in situazioni familiari a rischio (di povertà educativa, maltrattamento e incuria) per i quali erano stati attivati interventi di supporto educativo (inserimento in centri semiresidenziali, diurni, educativa territoriale e domiciliare). A causa dell’emergenza sanitaria quasi tutti questi servizi non residenziali sono stati sospesi con gravi ripercussioni sulla loro tutela.

continua a leggere la lettera

Le ultime News

12 | 07 | 2024

"Giovani in cerca di autonomia: il caso del progetto Net for Neet" un articolo della rivista di Studi Zancan

La rivista di studi Zancan ha pubblicato un articolo sul progetto Net for Neet di Energie Sociali sotto il titolo "Giovani in cerca di autonomia. Il caso del Progetto Net for Neet!" LEGGI...

Continua
25 | 04 | 2024

Cercasi tutor per Ci sto? Affare Fatica! 2024

Continua
22 | 04 | 2024

Torna Ci Sto? Affare Fatica! 2024

Questa estate 2024 torna Ci Sto? Affare Fatica! a Verona e provincia

Continua
19 | 04 | 2024

Corso gratuito per donne disoccupate: La consapevolezza di sé e del proprio ruolo nella comunità

Selezioniamo 6 candidate al corso. Scopri come partecipare!

Continua